torta.jpg

Nell’ultimo numero di Sale & Pepe c’era questa torta che a prima vista pareva davvero deliziosa… così ho provato a farla seguendo alla lettera gli ingredienti e il peso, cosa che sapete solitamente non faccio… e infatti -_-“

La torta è così fatta; una base di pasta tipo… uhm… alla fine ha la consistenza di una brisè, con un ripieno di formaggi e cioccolato bianco, decorata con frutta fresca, in origine solo mirtilli e lamponi.

Avevo la sensazione che la base con quelle dosi fosse poco dolce, ma pensavo anche che con il ripieno il tutto si sarebbe bilanciato… e invece ;-/

A parte questa poco dolcezza della base, la torta è davvero buona, da mangiare assolutamente il giorno dopo perché altrimenti i sapori non si legano.

Dunque qua c’è la ricetta con le modifiche che secondo il mio gusto si dovrebbero apportare.

torta alla frutta.jpg

Ingredienti per la base:

250g farina

125g burro morbido

un uovo

un cucchiaino 90g zucchero

buccia di limone grattugiata

40ml di acqua fredda

 

Ingredienti per il ripieno:

250g ricotta

150g philadelphia

100g robiola

2 cucchiai abbondanti di miele

un cucchiaino di cannella

80g cioccolato bianco grattugiato

buccia di limone grattugiata

Ingredienti per la decorazione:

mirtilli e lamponi q.b albicocche, susine, ananas

zucchero a velo

 

Si impasta la farina con il burro, l’uovo, lo zucchero e la buccia di limone, fino ad ottenere un impasto sbricioloso, solo allora si aggiunge l’acqua.

Impastare bene  fino a  formare un panetto liscio.

Coprire con pellicola e fare riposare in frigo un’oretta.

Nel frattempo amalgamare i tre formaggi con il miele, profumando con la buccia di limone e la cannella. Per ultimo aggiungere il cioccolato.

Stendere la pasta in uno stampo da crostata (per intenderci quello smerlato e rialzato nel centro) bucherellare bene il fondo e cuocere a vuoto a 180° fino a doratura.

Io non metto mai fagioli o cose così per non fare gonfiare la pasta, se si bucherella bene e si fanno i bordi alti, non c’è bisogno, anche perché non c’è nemmeno lievito nell’impasto dunque difficilmente può cambiare di molto volume!

Una volta cotta fare raffreddare bene, sformare e riempire con il composto ai formaggi.

Decorare con frutta fresca, solo poco prima di servire.

Nel giornale usavano solo lamponi e mirtilli, se avessi avuto questi ultimi li avrei usati anche io, invece mi sono “accontentata” della frutta nel campo! ;-p

Spolverare per finire con zucchero a velo.

Ricordate di prepararla il giorno prima, per mangiarla quello dopo! ;-p

Io l’ho assaggiata subito e solo il giorno dopo ho sentito la differenza di sapore, che era notevolmente migliore.

Ecco ora potete andare in pace!!! ;-D

Crostata alla frutta con crema di formaggiultima modifica: 2011-06-17T21:11:00+02:00da
Reposta per primo quest’articolo

14 Thoughts on “Crostata alla frutta con crema di formaggi

  1. Bellissima la tua crostata!Complimenti e buon weekend 🙂

  2. Lacrima grazie! e buon week a te! 😉

    Laura grazie! 😉

  3. Ciao, infatti ci sembrava di ricordare questa torta! Davvero bella da vedere e perfetta per queste calde serate estive! Un dolce non impegnato, alla frutta e che piace sempre a tutti!
    Buonissimo.
    baci baci

  4. che bella e golosa!!!mi piace moltissimo passar enl tuo blog, sei bravissima!baci!

  5. deliziosa e bellissima così allegra e colorata!

  6. Manu e Silvia 😉 ciao!

    Federica grazie tanto!!! 😉

    Simo ciao!!! un bacio!

  7. l’aspetto è così allegro e insomma solo leggendo la lista degli ingredienti ci si lecca i baffi!
    buonissima
    un abbraccio

  8. La cosa che mi piace di più delle crostate è il bordino, non so cosa farci ma ogni volta che lo vedo mi mette allegria =)

  9. In effetti un cucchiaino di zucchero anche a me sembra davvero poco, visto che poi nel ripieno ci sono solo due cucchiai di miele…e tieni conto che a me non piacciono i dolci particolarmente zuccherati.
    Comunque quella fettina con la cremina è invitantissima!!!

  10. Anch’io sono scettica con le ricette che vengono dalle riviste, ma ultimamente mi è capitato di beccare delle brutte sorprese anche dai libri di cucina. In particolare con le quantità degli ingredienti.

    Porta pazienza, ci vuole tanta immaginazione, ottimismo e mai, dico mai arrendersi con i dolci poco riusciti.

    Un bacio 🙂

  11. Ciao, grazie per aver provveduto a correggere una torta che mi convinceva poco anche a me, proverò quanto prima la tua variante =) buona giornata!

  12. Lo ciao! 😉

    Calogero grazie 😉

    Cey ;-D

    Roxy davvero,io a volte mi domando se le assaggiano o no! ;-D

    Kafcia davvero! anche a me succede spesso ;-/ un bacione!!!

    Sonia, bene, provala poi fammi sapere! 😉

Lascia un commento

Post Navigation