macarons.jpg

Dopo questo quarto tentativo semi fallito (più fallito che semi ..) non so più cosa fare, aiutatemiiiii … Io e questi dolcetti francesi proprio non andiamo d’accordo.

Di seguito elenco le cose che a quest’oggi mi hanno permesso di ottenere 3 macarons su una teglia di almeno 30 pezzi  ;-(

Ho questo bellissimo libro in francese che mi è stato regalato tempo fa, da allora ho già provato a fare i macarons 4 volte, solo a quest’ultima qualcosa ho ottenuto. Vi pregherei comunque di lasciare commenti con consigli sulla realizzazione di questi se li avete preparati.

La cosa fondamentale che ho notato (le altre volte non avevo fatto) è quella di mixare la farina di mandorle e lo zucchero a velo e di setacciarli insieme più volte, l’albume montato a neve fermissima è sicuro un’altra cosa importantissima.

Il mio problema a quanto ho capito è il non sapermi regolare sul tempo di riposo prima della cottura.

Qualcuno mi sa dire un trucchetto per verificare quando è il momento di infornare ? So che sbaglio in quello per via del fatto che quasi tutta la teglia, tranne questi fotografati, si sono screpolati e spaccati ;-(

La ricetta usata è questa sotto, figuratevi con la paura che avevo di farli se pensavo a colorarli o alla farcitura.. questi nella foto son ripieni di marmellata di ciliegie.

Ingredienti:

100g albume

25g zucchero semolato

225g zucchero a velo

125g farina di mandorle

un pizzico di sale

farcitura a piacere

Montare a neve gli albumi con un pizzico di sale, aggiungere poco per volta lo zucchero semolato fino a ottenere una massa bianca lucida.

Aggiungere, mescolando con una spatola dal basso verso l’alto, la farina di mandorle e lo zucchero a velo precedentemente mixati e passati al setaccio.

Con una sac a poche con bocchetta liscia, spremere dei mucchietti di impasto in una teglia rivestita di carta da forno.

A questo punto devono riposare per asciugare in superficie.. oggi li ho lasciati quasi un oretta … e la maggior parte son crepati ..

Dopo il riposo infornare a 150° per una decina di minuti.

Una volta freddi farcirli e conservare in frigo coperti bene.

Tante ricette e tanti tempi di riposo diversi, credo che non si possa stabilire uno uguale per tutti anche per via delle materie prime usate, dunque ve lo chiedo dinuovo; come riconoscere a occhio quando è ora di infornare ???

Comunque il sapore è quello anche se son crepati è !!! Si mangiano lo stesso, dunque si può provare a farli più volte senza doverli buttare !!!